La Guida per Principianti alla Raccolta Fondi Virale

Famiglia
| 7 min read Promozione della campagna

Cos’è una raccolta fondi virale? Si tratta di una campagna che si diffonde rapidamente su internet e che ti offre un grande vantaggio, perché aumenta incredibilmente il traffico verso la tua iniziativa.

I contenuti virali lasciano un’impressione duratura. Il punto chiave è che sono in grado di evocare un’emozione. Spesso il crowdfunding è un’esperienza emotiva che può essere sia straziante che commovente e queste sensazioni possono essere sfruttate come parte della strategia di raccolta fondi.

Anche se non esiste una ricetta universale per rendere virale la tua raccolta fondi, ci sono alcuni modi per assicurarti che possa diventarlo.

Riducendo la questione all’osso, una raccolta fondi, per essere virale, deve contare su:

  1. Una storia in cui identificarsi
  2. Contenuti accattivanti
  3. Canali per la condivisione

Spesso la raccolta fondi diventa virale in seguito alla condivisione di un contenuto di grande impatto. Di seguito sono riportati alcuni suggerimenti per creare la tua campagna, dotarla di contenuti sorprendenti e per trovare i canali giusti su cui condividerla.

1. Costruire le fondamenta della tua raccolta fondi

Individua il tuo pubblico

In primo luogo, stabilisci a chi vuoi rivolgerti. Scegli il tipo di pubblico che può essere maggiormente colpito dalla tua storia. Poi, fai qualche ricerca su ciò che apprezza o meno e sui suoi valori. Una volta capito da che tipo di persone è composto, puoi creare un messaggio potente che le spinga a sposare la tua causa.

Scegli un titolo semplice

Il titolo dovrebbe introdurre in modo chiaro il tema della tua raccolta fondi. Includi il nome del beneficiario e poi aggiungi alcune parole chiave che ti aiutino a riassumere il motivo per cui stai raccogliendo fondi. Una strategia efficace consiste nel trovare un hashtag facile da ricordare e d’impatto da aggiungere alla fine del titolo. Ecco i nostri consigli su come trovare un hashtag per la tua campagna.

Ad esempio: Raleigh #BlackPantherChallenge

Scrivi la descrizione della tua campagna

Gli obiettivi a cui punta una raccolta fondi virale sono due: il primo è la condivisione della campagna da parte del pubblico, mentre il secondo è spingere le persone a fare clic sul tuo link e donare. Una volta approdato sulla tua campagna, un utente leggerà la descrizione della raccolta fondi per capire meglio di cosa si tratta. È qui che dovresti spiegare il motivo per cui vuoi raccogliere fondi, a chi sono destinati e come saranno utilizzati.

2. Arricchisci la tua campagna con contenuti straordinari

Rendi il tuo messaggio condivisibile

Il prossimo passo consiste nel condividere un post sui social media con un link alla tua raccolta fondi. L’obiettivo è rendere quel post virale. I contenuti virali devono essere facilmente fruibili dagli utenti, ma anche interessanti. Le persone condivideranno il tuo post solo se lo riterranno degno di nota. Quindi presenta la tua storia in modo che le persone vogliano darti una mano.

Un esempio è la campagna di Matt. Prima che la raccolta fondi di Matt Chauncy’s Chance diventasse virale, è stata presentata con un post su Facebook, che ha suscitato notevole interesse. Matt ha condiviso la storia del suo incontro con Chauncy in modo onesto ed emozionante. Il post è stato condiviso da così tanti utenti che all’avvio della raccolta fondi Matt poteva già contare su un vasto pubblico di donatori.

Crea una video challenge virale

La gente vuole donare. Offrile la possibilità di mettere in pratica il proprio altruismo in un modo nuovo, per esempio lanciando una sfida a cui rispondere con dei video.

Un esempio può essere il caso di Andrew, che in onore del suo defunto amico Garmt ha lanciato la Hot Pepper Challenge per la SLA. Prendendo spunto dalla famosa ice bucket challenge, Andrew ha chiesto ai suoi amici e familiari di provare a mangiare il peperoncino più piccante che potessero. Maggiore era la piccantezza del peperoncino, meno soldi dovevano donare. In ogni caso, ogni persona doveva nominare altri tre candidati chiamati a raccogliere la sfida. Grazie a un video virale che ha ottenuto oltre 1,4 milioni di visualizzazioni, Andrew ha raccolto più di 25.000 dollari per la causa che gli stava più a cuore.

Favorisci le condivisioni con foto di alta qualità

Se non hai il tempo o le risorse per creare un video, puoi rendere la tua campagna virale usando foto di alta qualità che suscitino potenti reazioni emotive. Punta sulla creatività e raccogli foto capaci di attirare i potenziali donatori. Una foto accattivante spingerà le persone a smettere di scorrere la bacheca per saperne di più sulla tua raccolta fondi.

Per esempio: Joel ha avviato la sua campagna Relief for Fidencio the paleta man quando ha incontrato un signore anziano del suo quartiere che lavorava ancora molto duramente per vendere i suoi ghiaccioli (paletas). La foto toccante di Fidencio ha giocato un ruolo chiave nella diffusione della sua campagna.

Crea un call to action chiara

Alla fine del tuo post dovresti sempre includere una call to action che inviti gli utenti all’azione. Per prima cosa chiedi una donazione, ma rendi la tua richiesta gestibile. Spesso invitare a donare una cifra modesta, da 10 a 25 dollari, ti garantirà più donazioni rispetto a una richiesta più onerosa. E se qualcuno non può donare, invitalo ad aiutarti condividendo la raccolta fondi con la sua rete online.

Per esempio: quando Donald ha avviato la sua campagna Send a Random Girl 2 Nursing School per aiutare un’impiegata di un fast food a frequentare la scuola per diventare un’operatrice sanitaria certificata, ha fatto un po’ di calcoli, pensando che avrebbe potuto raggiungere il suo obiettivo di 1500 dollari se 300 dei suoi amici di Facebook avessero donato 5 dollari ciascuno. Alla fine, è riuscito a raccoglierne oltre 15.000.

3. Implementa una strategia per le condivisioni

Crea connessioni

Sfrutta i social media per costruire la tua community per la raccolta fondi. Mettiti in contatto con persone con grandi schiere di follower. Poi chiedigli se sarebbero interessate a sostenere i tuoi sforzi. Prima di pubblicare il tuo post sui social media, invia un messaggio ai tuoi influencer ricordando loro di condividerlo insieme a te.

Condividi i tuoi post su più piattaforme

Facebook è un ottimo canale di condivisione, ma non fare l’errore di sottovalutare gli altri social come Twitter o Instagram. Pianifica la pubblicazione su diverse piattaforme di social media per massimizzare le possibilità di rendere la campagna virale. E ricordati di includere sempre un link alla tua raccolta fondi nel tuo post.

Studia il momento migliore per condividere i tuoi post

La possibilità che i tuoi contenuti vengano visualizzati, condivisi e apprezzati dagli utenti viene influenzata notevolmente dal giorno e dall’ora in cui li condividi. Molti messaggi validi passano inosservati perché vengono condivisi al momento sbagliato. Consulta questa ricerca sui social media per scegliere quando pubblicare i tuoi post.

Gli orari migliori per pubblicare su Facebook sono:

  • Dalle 12:00 alle 13:00 il sabato e la domenica
  • Dalle 13:00 alle 16:00 il giovedì e il venerdì
  • Alle 15:00 il mercoledì

Gli orari migliori per pubblicare su Twitter sono:

  • Dalle 12:00 alle 15:00 e alle 17:00 dal lunedì al venerdì
  • A mezzogiorno e dalle 17:00 alle 18:00 il mercoledì

Gli orari migliori per pubblicare su Instagram sono:

  • In qualsiasi momento tra le 15:00 e le 16:00 dal lunedì al giovedì
  • I video ottengono più engagement dopo le 21:00

Sfrutta il virale

Ora che hai tutti gli strumenti per creare una raccolta fondi virale, avvia subito la tua campagna. Per maggiori informazioni in merito, consulta questi consigli e suggerimenti.

Crea la tua raccolta fondi

Written by Paige Kutilek

I'm keen on creating meaningful and thoughtful content that will have an impact. I'm a dedicated individual with a creative touch who is always eager to learn more.