Come Reperire Fondi per Un’Associazione Culturale?

| 7 min read Promozione della campagna

Una mostra, la presentazione di un libro o di un film, una conferenza, una performance, uno spettacolo teatrale. Sono tanti gli eventi che vale la pena organizzare per far conoscere un’opera, una nuova idea, o semplicemente per godere della bellezza o ancora per riflettere su alcuni temi. A volte però non è facile mettere su un’iniziativa, perché è necessario avere a disposizione un certo budget per l’affitto di un locale, i rimborsi per eventuali relatori, i depliant, la comunicazione. Come fare per reperire fondi per un’associazione culturale? Possiamo orientarci verso la ricerca di sponsor per eventi culturali, oppure cercare finanziamenti pubblici. O ancora possiamo decidere di chiedere un aiuto tra le nostre cerchie e a donatori sconosciuti aprendo una campagna di crowdfunding.

Inizia la tua campagna ora

Chi si occupa di organizzare eventi culturali in Italia?

Sono diverse le realtà che mettono in piedi iniziative di promozione della cultura. Alcune sono pubbliche, altre private. Il MIBAC, ministero dei beni e delle attività culturali, che organizza e finanzia eventi. Ci sono poi le associazioni culturali, le fondazioni, le rie e le agenzie di eventi. O anche i privati cittadini che possono scegliere di dedicarsi all’organizzazione di eventi culturali grazie al crowdfunding. 

Il MIBACT

Il ministero dei Beni e delle attività culturali e del turismo è stato istituito nel 1975 per tutelare il patrimonio culturale e l’ambiente. In seguito, tra i compiti del MIBACT è stata aggiunta la promozione dello sport e delle attività dello Spettacolo in tutte le sue espressioni. Oltre a organizzare mostre, festival e fiere, il ministero pubblica bandi di gara e premi. Tutte le informazioni sul sito del Ministero dei Beni Culturali.

Le associazioni culturali 

In Italia le associazioni culturali sono enti privati senza finalità di lucro che perseguono un obiettivo comune di finalità sociale e promozione della cultura. In genere vengono gestite da volontari, ma non solo. Ce ne sono di due tipi: riconosciute e non riconosciute. Le prime non sono obbligate ad avere un patrimonio da gestire e non c’è bisogno di registrarle: si costituiscono dopo avere scritto lo statuto. Le seconde devono scrivere un contratto di associazione che dovrà poi essere autenticato da un notaio. In seguito l’associazione dovrà essere riconosciuta dal capo dello Stato e verrà indicata una persona come “persona giuridica” che detiene poteri e responsabilità sugli altri soci. Gli ambiti di cui si occupano sono tanti, dalla scrittura, alla pittura, alla fotografia, al cinema, per citarne alcuni.

Le fondazioni

Si tratta di enti con un patrimonio preordinato per raggiungere un fine specifico. Nel caso delle fondazioni culturali, l’obiettivo è diffondere la cultura attraverso mostre, spettacoli, convegni e campagne di comunicazione. Spesso pubblicano bandi e offrono contributi per l’organizzazione di eventi culturali. 

Come reperire fondi per un’associazione culturale

Hai costituito un’associazione e ora hai bisogno di un capitale per organizzare eventi culturali? Ci sono diverse cose che puoi fare, dalla richiesta di fondi pubblici, alla ricerca di sponsor privati per eventi culturali, fino ad arrivare all’opzione del crowdfunding.

Finanziamenti statali 

Il Ministero per i Beni e le attività culturali eroga diversi tipi di aiuto, dal patrocinio, ai contributi, alle agevolazioni fiscali. Se sei socio di un’associazione culturale, puoi chiedere ad amici e conoscenti di destinare il loro 5 x mille alla tua attività. Tutte le informazioni sul sito del MIBACT. Anche i Comuni e le Regioni decidono di investire sulle attività culturali. Prova a fare una ricerca sul web o vai di persona presso gli uffici competenti e chiedi se la tua iniziativa può essere sovvenzionata da finanziamenti pubblici. 

Ricerca di sponsor per eventi culturali

Se la strada del pubblico ti sembra troppo complicata, per via della burocrazia, o perché non hai i requisiti giusti, puoi provare a cercare nel privato. A seconda del tipo di iniziativa culturale che stai organizzando, puoi rivolgerti ad una Fondazione o anche a grandi aziende. Di solito le imprese destinano una parte dei loro ricavati ad iniziative benefiche e culturali. Dovrai preparare un progetto e inviarlo seguendo le regole descritte nei relativi siti internet. Se vuoi reperire fondi per un’associazione culturale un altro modo è chiedere aiuto ai negozi di zona. Potrai invogliarli a supportarti spiegando che mettere il loro logo sul materiale pubblicitario li aiuterà ad avere maggiore visibilità e, di conseguenza, più clienti. Se ad esempio pensi all’organizzazione di eventi culturali che hanno a che fare con la pittura, potrai chiedere un contributo ad un negozio che vende tele e colori. Di sicuro parteciperanno altri artisti che potrebbero diventare nuovi acquirenti del negozio.

Crea la tua campagna di crowdfunding per raccogliere fondi

C’è un’altra alternativa molto interessante se stai cercando di reperire fondi per un’associazione culturale: è il crowdfunding, un finanziamento dal basso che si basa sulla generosità di donatori che si appassionano alla tua causa. Ecco alcuni esempi di persone che hanno scelto questo modo per organizzare eventi culturali. In Sicilia c’è un festival di cinema dal 2015, il primo nella regione, dedicato alle arti visive e all’animazione. Gli organizzatori vogliono far crescere l’iniziativa, ma i fondi pubblici sono stati ritirati. Per questo hanno chiesto aiuto e aperto una campagna su GoFundMe, Adottare un festival è un atto di coesione e condivisione. Simile il progetto del Lunigiana international Music Festival, un appuntamento musicale che accoglie artisti da tutto il mondo. Il crowdfunding è nato dall’esigenza di creare borse di studio per consentire anche a ragazze e ragazzi senza mezzi economici di partecipare. C’è poi il Centro Arte Collettiva, che sorgerà in provincia di Pesaro e Urbino. Ad oggi una scuola di musica che Javier, il promotore della campagna, vorrebbe ampliare con servizi educativi. Ha chiesto aiuto su GoFundMe anche Silvia, responsabile della radio degli studenti universitari di Siena. Un bel progetto che però ha bisogno di sostegno per poter continuare a svolgere le numerose iniziative.

Puoi anche decidere di lanciare una raccolta fondi per organizzare un evento in particolare, come EffectUs, un’Associazione Culturale di Special Effects Make-Up Artists, che ha chiesto supporto economico per il secondo Evento Italiano dedicato agli Effetti Speciali. Un’altra campagna a cui puoi ispirarti è quella di Giovanni Vitali, lanciata per organizzare un festival dedicato a Gioacchino Rossini, Solo Belcanto. A volte un evento culturale può essere un mezzo per supportare una causa. Come nel caso della campagna Metal for kids, un concerto di Heavy Metal organizzato a favore della onlus Peter Pan che ospita i bambini malati di cancro che vanno a curarsi a Roma e le loro famiglie. 

Trova oggi i fondi di cui hai bisogno

Come puoi vedere, il crowdfunding è un’ottima alternativa se vuoi reperire fondi per un’associazione culturale. Importante è scegliere la piattaforma che fa per te. GoFundMe ha zero commissioni, a differenza di altri siti che trattengono dal 5 all’8%. Inoltre hai a disposizione un team di esperti che risponderà alle tue domande entro le 24 ore. Potrai ritirare quanto ricevuto in qualsiasi momento senza influire sulla barra di raccolta e non hai l’obbligo di raggiungere l’obiettivo. Massima attenzione è dedicata alla sicurezza con controlli meticolosi dei promotori e dei beneficiari: prima di rilasciare la somma raccolta, GoFundMe verifica anche tutti i dati di pagamento. Non hai più scuse, il crowdfunding è la scelta giusta per cominciare a organizzare mostre, presentazioni di libri, convegni, concerti. Apri oggi la tua campagna, basta un click, e dai libero sfogo alla tua creatività!  

Inizia la tua campagna ora